Spettacoli e mostre AFAM giugno 2024
MUSICA

SERENISSIMI ORGANI

Prima rassegna dedicata alla musica organistica sugli organi storici della città di Venezia

Dal 15 giugno al 26 ottobre 2024

Info: https://www.conservatoriovenezia.eu/blog/progetti/serenissimi-organi-prima-rassegna-di-musica-organistica/

 

FESTA DELLA MUSICA 2024

Venerdì 21 giugno 2024

ore 18:00 - Trombone Choir

ore 20:30 - Kanonicontrolaguerra, concerto itinerante

Info: https://www.conservatoriovenezia.eu/blog/news/festa-della-musica-2024/

Alcuni dei migliori allievi del Conservatorio si esibiranno in sette appuntamenti con la musica di tutti i tempi, dal 10 al 18 giugno presso l’Auditorium del Carmine. I concerti, con inizio alle 20.30, daranno al pubblico l’opportunità di conoscere il talento e la passione di questi giovani musicisti, ascoltando gli strumenti più diversi e programmi estremamente variegati, che attraverseranno paesi e latitudini, incontrando i paesaggi della musica classica, lirica e contemporanea.

Le sette serate saranno una preziosa occasione per gli allievi per mettere alla prova, davanti agli spettatori, quanto appreso nelle lunghe ore di studio e di lezione e per fare un’esperienza professionale a tutti gli effetti.

Ingresso gratuito

Maggiori informazioni: www.conservatorio.pr.it

Ecco gli eventi organizzati dal Conservatorio Rossini nel mese di giugno:

 

08.06.24 - Musica Nuova

15.06.24 - Musica Nuova

21.06.24 - Mancini 100

22.06.24 - Rassegna pianistica estiva

28.06.24 - Rassegna pianistica estiva

 

Alle ore 17 presso l’Auditorium del Carmine andrà in scena, a cura del Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio di Parma, la composizione seicentesca Il carro di Madama Lucia, ispirata ai temi del Carnevale e attribuita al compositore Giovambattista Fasolo. L’evento conclude il Laboratorio di gestualità teatrale antica a cura del prof. Alberto Allegrezza.

Tale composizione si fonda sulla forma musicale della “moresca”, componimento della famiglia della “villanella napolitana”, e l’organico prevede tre o più voci, con la possibile aggiunta di vari strumenti quali, per esempio, liuti, chitarre alla spagnola, tiorbe, colascioni, strumenti a percussione. Nello specifico, andrà in scena l’Ensemble vocale e strumentale ParM.A. del Dipartimento di Musica Antica, costituto da Maicol Ahmeti, Chiara Falchi, Valentina Ferrarese, Matilde Leonardi, Svitlana Melnyk, Sarah Rigamonti, Francesca Soana, Andrew N.W. Tan, You Yukun, Fabiano Zani (voci); Davide Medas, Cristobal Altamirando Garcia (violini); Giovanni Biancalana (viola da gamba); Gian Luca Lastraioli, Niccolò Bertoncini, Antonio Fresi, Dario Landi, Carlo Miyagawa, Daniele Molinari (liuti, chitarrine, tiorbe e tiorbini); Stefano Baronchelli (clavicembalo). Il coordinamento è a cura della Prof.ssa Patrizia Vaccari.

L’ingresso è libero e gratuito.

Maggiori informazioni: www.conservatorio.pr.it

Prosegue la rassegna di concerti di alcuni dei migliori studenti del Frescobaldi con due appuntamenti dedicati al canto e all’interpretazione scenica. I concerti programmati per martedì 4 e mercoledì 5 giugno alle ore 15 presso il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara (Sala delle carte geografiche, Via XX Settembre 122), infatti, vedranno protagonisti gli studenti del corso di Interpretazione scenica e di Canto del Conservatorio, impegnati, il 4 giugno, nella messa in scena di una rappresentazione dal titolo Operafobia, storia di un Paziente che racconta al suo psicanalista di fare sempre incubi nei quali vive come un eroe di opere tragiche e che guarirà grazie all’opera buffa (cinque cori divertenti tratti dalle opere di Donizetti, Rota e Rossini), e, il 5 giugno, in una raccolta, in forma scenica, di grandi arie d’opera e brani d’assieme che parlano d’amore, dal titolo Corrispondenze d’amorosi sensi.

Ingresso con biglietto del museo (intero, 6 euro; ridotto 18-25 anni, 2 euro)

Maggiori informazioni: https://conservatorioferrara.it/index.php/produzione/produzioni/calendar-tutti/2016-concerti-degli-studenti-del-frescobaldi-2029 e https://conservatorioferrara.it/index.php/produzione/produzioni/calendar-tutti/2017-concerti-degli-studenti-del-frescobaldi-2030

 

Il Conservatorio Rossini presenta alla città il denso calendario di eventi realizzato in collaborazione con le principali istituzioni amministrative e culturali locali, nonché con realtà nazionali e internazionali, nell’anno in cui Pesaro ricopre il prestigioso ruolo di Capitale italiana della cultura.

 

I grandi eventi

Il 21 giugno, in occasione della Festa della Musica 2024, proseguirà la collaborazione con il Pesaro Film Festival, che nelle passate edizioni ha visto i musicisti del Rossini protagonisti in Piazza del Popolo durante la Mostra internazionale del Nuovo Cinema.

Il 19 luglio si chiuderà la prima parte dei grandi eventi del 2024 con il concerto finale del Laboratorio IMP – International Music Project/Program, che vede, accanto agli studenti e ai docenti del Conservatorio Rossini, studenti e docenti di alcune prestigiose università statunitensi nell’esecuzione di repertorio per grande orchestra di fiati.

 

Le rassegne

In questo anno di grande visibilità per tutto il territorio non mancheranno le tradizionali rassegne organizzate dalle varie Scuole del Rossini: I Concerti del Conservatorio che vedranno studenti e docenti alternarsi sul palco della Sala Bei della Provincia di Pesaro e Urbino con 10 appuntamenti nel mese di maggio; il ciclo di concerti Musica Nuova, curato dalla Scuola di Composizione, che nel mese di giugno offrirà la possibilità di avvicinarsi alla ricerca musicale della contemporaneità; la Rassegna pianistica estiva ospitata nel cortile di Palazzo Montani Antaldi, sede della Fondazione Casa di Risparmio di Pesaro, nei mesi di giugno e luglio; il Festival di Musica antica, dedicato al repertorio barocco, che avrà luogo a ottobre nelle sale del Museo Nazionale Rossini; il tradizionale appuntamento con il Laboratorio dell’Orchestra ritmica del Conservatorio curato dalla Scuola di jazz nel mese di ottobre.

 

Gli incontri 

Nel 2024 l’Istituto ospita: 60 appuntamenti tra masterclass, laboratori e seminari, aperti anche ad esterni, con docenti di alto profilo, incluso l’atteso ritorno a Pesaro del M° José Carreras; la seconda edizione del ciclo Conversazioni letterario-musicali, dedicata alla presentazione di nuovi volumi e realizzata con il patrocinio della Società italiana di Musicologia con quattro appuntamenti tra febbraio e maggio; gli incontri Dalla parte dell’Ascoltatore, finalizzati alla formazione del pubblico (musicisti e non); la rassegna di conferenze e concerti del progetto C’è del Nuovo…, in partenariato con la Società Italiana di Musica Contemporanea, che in ottobre dedicherà due giorni alla musica d’arte del presente; la giornata di studi Riccardo Zandonai a Pesaro, programmata in ottobre, in collaborazione con il Centro Studi Zandonai di Rovereto.

 

I concorsi

Da segnalare la prestigiosa partecipazione dei docenti della Scuola di Musica elettronica del Conservatorio Rossini come componenti della giuria della 2° edizione di ISAC - International Sonosfera Ambisonics Competition, promosso dal Comune di Pesaro in collaborazione con IRCAM - Centre Pompidou di Parigi. Il concorso è intitolato al compianto M° Eugenio Giordani, per lunghi anni coordinatore del LEMS – Laboratorio Elettronico per la Musica Sperimentale – del Conservatorio Rossini.

 

Maggiori informazioni: https://www.conservatoriorossini.it/

ARTI VISIVE

Proseguono anche a giugno gli incontri della rassegna Tratti d’arte - Gli showcase d’artista, dedicati ai libri sulle arti figurative, che si svolge in diverse giornate, programmate fino al 1° ottobre alle ore 15:30, presso la Biblioteca Salaborsa, Piazza coperta (Piazza Nettuno 3).

A cura di Rosalia Ragusa per la Salaborsa e Otto Gabos per l’Ababo, il calendario degli incontri prevede il 4 giugnoMiriam Tomisil 25 giugnoFrancesca Anna Maria Gulinoil 17 settembreValerio Stefani Donatiil 24 settembre, Ada Morandin; il 1° ottobre, Julius Albert Reboldi.

Due martedì di giugno saranno inoltre riservati a nomi già conosciuti nel panorama del disegno, dell’illustrazione, del writing e della tattoo art. L’11 giugno la Piazza coperta accoglierà il lavoro dal vivo di Riccardo “Draw” Raviola, writer, tatuatore, disegnatore, nonché figlio d’arte, in quanto suo padre era il grande fumettista Roberto “Magnus” Raviola, creatore di personaggi storici come Alan Ford, Kriminal e Satanik. Il 25 giugno sarà invece la volta dei disegni e delle storie di Cristina Portolano.

Gli incontri sono tutti a ingresso libero fino a esaurimento posti.

Maggiori informazioni: https://www.bibliotecasalaborsa.it/events/tratti-d-arte-gli-showcase-d-artista

 

L’Accademia di Belle Arti di Bologna festeggia i dieci anni di Opentour e dal 18 al 23 giugno la città torna ad accogliere la grande rassegna curata, per il terzo anno consecutivo, da Carmen Lorenzetti e Giuseppe Lufrano.

Martedì 18 giugno dalle ore 10 alle 18.30 si aprono le porte della storica istituzione bolognese, con Openshow, poliedrica fucina della creatività che si articola in un ampio percorso espositivo – quest'anno esteso anche ad alcuni spazi esterni – con opere di circa 300 studentesse e studenti dei Dipartimenti di Arti Visive e di Progettazione e arti applicate e visite guidate a cura del Dipartimento di Comunicazione e didattica dell’arte.

In città, giovedì 20 giugno dalle ore 15 alle 23tra le strade e le piazze della città, inaugura il grande evento diffuso Giovani talenti in galleria, organizzato dall’Accademia di Belle Arti con la collaborazione dell’Associazione Gallerie d'Arte Moderna e Contemporanea Confcommercio Ascom Bologna: 28 tra gallerie e spazi privati, ognuno dei quali proporrà una mostra specifica: protagoniste assolute, le opere di studentesse e studenti dei Bienni e dell’ultimo anno dei Trienni.

Sabato 22 giugno alle ore 18, all’interno della Corte del Terribilia dell’Accademia di Belle Arti, verrà assegnato il premio Art Up 2024 di Fondazione Zucchelli, ideato nel 2018. La giuria avrà il compito di vagliare i lavori di arte contemporanea in concorso esposti in città e di assegnare quattro distinti premi. Le opere vincitrici saranno acquisite nelle importanti collezioni dei finanziatori.

Tra gli eventi collaterali e i progetti speciali, si segnala la mostra Ciò che esiste, là dove non si vede, curata dal collettivo Fiftips, che si terrà presso lo spazio Kappa_Nöun a San Lazzaro di Savena. L'anteprima sarà il 17 giugno alle ore 18 e la mostra durerà fino al 14 luglio. Questo progetto espositivo ha vinto la seconda edizione del Premio Kappa_Nöun per la giovane curatela, ideato dal collezionista Marco Ghigi e dalla docente Marinella Paderni, e vede coinvolti gli studenti del secondo anno del Biennio di Didattica e mediazione culturale del patrimonio artistico e del Triennio di Scultura.

La Fondazione Gramsci di Bologna ospita la mostra Poster for the City, curata da Danilo Danisi e Carlo Branzaglia, che espone i manifesti realizzati dal Triennio di Design Grafico per il Comune di Bologna. La mostra sarà aperta dal 17 al 22 giugno, con un'anteprima il 17 giugno alle ore 16, e includerà l'inserimento della collezione nell'archivio internazionale manifestipolitici.it della Fondazione Gramsci.

Presso la Biblioteca Salaborsa, si potrà visitare la seconda edizione di ProgettAzione, mostra dei progetti artistici dei Bienni di Scenografia e allestimenti degli spazi espositivi e museali e di Scenografia del teatro dell'opera e spettacolo musicale, a cura di Rosanna Fioravanti, Fabio Marchese, Carlo Messori, Marcello Morresi, Elisa Tranfaglia (opening: 18 giugno, ore 15; visitabile dal 17 giugno al 6 luglio).

Venerdì 21 giugno alle 21 presso il Cinema Galliera, saranno proiettati i lavori di studentesse e studenti di Linguaggi del cinema e dell’audiovisivo.

Martedì 18 giugno, alle ore 14, presso l’Aula Magna dell'Accademia, al via la seconda edizione di Quel pomeriggio di un giorno da Tuono, evento dedicato alla memoria del noto fumettista Tuono Pettinato, che vedrà anche l’assegnazione di una borsa di studio per la tesi più meritevole tra quelle del Triennio di Fumetto e illustrazione e dei due Bienni di Linguaggi del fumetto e di Illustrazione per l'editoria.

Nella stessa sede, giovedì 20 giugno alle ore 11, avverrà la Presentazione del libro *giannilatino (LetteraVentidue, 2023) alla presenza dell’autore Gianni Latino, uno dei nomi più affermati nel panorama del graphic design italiano. Completa il programma, l’assegnazione della seconda edizione del Premio Luciano Vivolo, diretto ai Trienni di Fashion Design, Design grafico e Design del prodotto.

Maggiori informazioni e programma completo sul sito https://www.ababo.it/

 

L'Accademia di Belle Arti di Bologna partecipa a Bologna Portici Festival - Heritage meets creativity, progetto promosso e coordinato dal Settore Cultura e Creatività del Comune di Bologna, con un programma che vede coinvolti il Dipartimento di Comunicazione e didattica dell’arte e i corsi di Scenografia, di Linguaggi del cinema e dell’audiovisivo e di Scultura.

Questo festival è la grande festa urbana con cui il Comune di Bologna celebra i suoi porticiPatrimonio dell’Umanità UNESCO, trasformandoli in palcoscenici dove la creatività, l’arte e il racconto disegnano una nuova geografia culturale della città. Nel 2024, il festival animerà anche via Zamboni, centro pulsante della vita universitaria, attraverso incontri con personalità della scena culturale, laboratori ed eventi dedicati ai saperi tradizionali che hanno ottenuto la De.Co e performance site specific.

La seconda edizione del festival, che si svolgerà dal 4 al 9 giugno, consiste in un ciclo di appuntamenti rivolti alla cittadinanza che porteranno a rigenerare la Piazzetta Roberto Raviola e alcuni spazi dell’Accademia con eventi, laboratori, proiezioni e spettacoli.

Tutti gli eventi sono gratuiti, ad accesso libero o su prenotazione.

Programma completo su https://www.bolognaporticifestival.it/

Apertasi ad aprile, presso la Pinacoteca Civica “Graziano Campanini” di Pieve di Cento (BO)INSURREZIONI DELLO SGUARDO è una mostra collettiva a cura di Guido Molinari che riconferma la collaborazione tra l’Accademia di Belle Arti di Bologna e la Pinacoteca, inserita all’interno del polo culturale “Le Scuole” di Pieve di Cento.

L’esposizione, promossa e organizzata dal Comune di Pieve di Cento e dall’Unione Reno Galliera, coinvolge studentesse e studenti iscritti all’Accademia di Belle Arti di Bologna, che proporranno opere afferenti all'ambito del fumetto e sculture polimateriche e policrome. In particolare, questi artisti provengono dal Biennio di Scultura (Lorena Bucor, Sara Cortesi), Triennio di Scultura (Matteo Beneduce, Agnese Caleffi, Cosimo Chirico, Elysee Farazmand, Tunancagan Havrandere), Biennio di Linguaggi del Fumetto (Diandra Cannata, Icaro, Alice Marchi, Susanna Quartesan, Vittorio Renzi, Francesca Sfondrini) e Triennio di Fumetto Illustrazione (Grazia Bacchetti, Francesca Benzi, Bennu Cordone, Dayla Ottani, Julius Albert Reboldi, Miriam Tomis).

Maggiori informazioni su www.ababo.it e www.lescuoledipieve.it